Menu di sezione

Storia del Colle Cidneo
 
Informazioni
Come arrivare
Museo delle Armi L. Marzoli
Museo del Risorgimento
Storia del Colle Cidneo
Le 10 giornate di Brescia
Matrimoni civili
 

Contenuto della pagina

Musei del Castello

Storia del Colle Cidneo

 

1200 a.C.
– Primi insediamenti sul Cidneo, forse dei Liguri, che nella tarda età del Bronzo fortificano il colle
VII secolo a.C. – Invasione celtica della tribù dei Galli Cenomani e occupazione del colle, sulla cui sommità viene costruito un tempio dedicato al dio Berginus
196 a.C. – I Cenomani diventano federati di Roma
49 a.C. – la colonia Brixia ottiene la cittadinanza romana
27 a.C. – Brixia diviene Colonia Civica Augusta
I sec. a.C.- I sec. d.C. – Il Castello, inserito nel perimetro murario cittadino, si trasforma in una piccola acropoli, con diversi templi monumentali, protetti da un complesso fortificato
VI secolo – Sorge la chiesa cristiana di Santo Stefano in Arce, nell’attuale piazzale della Mirabella
XII-XIII secolo – In età comunale vede la luce la Torre Mirabella, forse su iniziativa di Berardo Maggi
XIV secolo – prima metà – Viene edificato il ponte levatoio, per separare la sommità del colle dalle aree antistanti
Sotto la dominazione viscontea vengono edificati l’omonimo Mastio e la Torre dei Prigionieri
1512 – Il Sacco di Brescia: Gaston de Foix riesce ad arrivare in Castello tramite la Strada del Soccorso, per dar sostegno alle truppe francesi, che daranno vita ad uno dei più sanguinosi saccheggi della città
1550 circa – Sotto il dominio veneziano vengono costruiti i monumentali bastioni e le mura di cinta, insieme al portone d’ingresso con il Leone di San Marco
1597-1598 –Sorgono il Grande e il Piccolo Miglio, che prendono il nome dai depositi di granaglie della guarnigione veneta di stanza in Castello
XVII-XVIII secolo – Sotto la dominazione della Serenissima il Colle Cidneo perde gradualmente il suo ruolo strategico e bellico
1820-30 – In Castello vengono incarcerati i ribelli dei moti bresciani, prima di essere trasferiti allo Spielberg. A partire dall’età napoleonica e sotto gli Austriaci viene utilizzato come prigione e caserma per le truppe
1849 – Le Dieci Giornate di Brescia (23 marzo-1° aprile): dal Castello gli Austriaci resistono all’assedio
Attraverso la Strada del Soccorso il generale Haynau porta rinforzi alle truppe asburgiche asserragliate sul Cidneo
Nella Fossa dei martiri gli Austriaci fucilano i patrioti bresciani nella repressione dopo le X Giornate
1861 – Con la nascita del Regno d’Italia il Castello abbandona ogni valenza militare
Inizi 1900 – Il Comune acquisisce il Castello per trasformarlo in area verde ad uso pubblico
1943-45 – Il giardino della fossa nord del Castello diventano teatro di tortura e fucilazioni dei partigiani da parte dei nazifascisti
1945 – In Castello viene allestito il Tribunale per processare i crimini fascisti



«  Musei del Castello