Menu di sezione

Il Coro delle Monache
 
Info e orari
Acquisto biglietti
Come arrivare
Santa Giulia sito UNESCO
I luoghi. Le domus dell'Ortaglia e il Viridarium
Le domus dell'Ortaglia e il Viridarium a 360°
I luoghi. La basilica di San Salvatore
I luoghi. La chiesa di Santa Maria in Solario
I luoghi. Il Coro delle Monache
I capolavori. La Croce di Desiderio
I capolavori. La Vittoria alata
I personaggi. Santa Giulia
I personaggi. Ermengarda
 

Contenuto della pagina

Museo di Santa Giulia

Il Coro delle Monache

 
Il Coro, nobile ambiente affrescato entro il quale le monache benedettine del monastero di Santa Giulia per secoli hanno assistito, non viste, alle funzioni religiose, è stato aperto al pubblico nel 2002, dopo un lungo intervento di restauro e di adeguamento, diventando parte integrante del Museo di Santa Giulia.

Questo sontuoso luogo di culto,  articolato su due livelli, venne innalzato tra Quattrocento e Cinquecento. La parete orientale e le pareti laterali appaiono riccamente decorate da affreschi di Floriano Ferramola e di Paolo da Caylina il Giovane.

Il programma iconografico è complessivamente ispirato al tema della salvezza, trattato con scene dell'infanzia di Gesù, della passione e della resurrezione e con altri soggetti comunque attinenti, intervallati da immagini devozionali. La successione degli episodi si configura come un itinerario mentale o processionale non privo di intenti didattici, con particolari vivi e curiosi. L'insieme risulta fortemente unitario e di grande suggestione cromatica ed evocativa.

Fra le opere di maggior interesse, esposte in questo settore museale, si può trovare il grande Mausoleo Martinengo, capolavoro di scultura, tra i più rappresentativi della stagione rinascimentale in territorio lombardo.



«  Museo di Santa Giulia