Condividi
Chiudi
Dove
Santa Giulia
Durata
1,5
N° Partecipanti
- max 25
Prezzo
ingresso al museo € 3 cad. - visita guidata € 80 a gruppo
Codice
A4V

L’itinerario vuole essere il completamento di una visita al Parco Archeologico di Brixia romana: inizia con la visita agli affreschi strappati dalla quarta cella occidentale del santuario repubblicano esposti in museo, continuando con i bronzi rinvenuti nel 1826 in un’intercapedine tra il tempio Capitolino e il Colle Cidneo, molti dei quali si trovano oggi all’interno della cella orientale del Capitolium, nel nuovo allestimento per il ritorno della Vittoria Alata. La visita prosegue poi con alcune mensole decorative di edifici pubblici del Foro e capitelli figurati che dovevano ornare il teatro romano della città, terminando nella sezione dedicata alla necropoli romana, dove sono conservati monumenti funerari, segnacoli, lastre iscritte e corredi che attestano l’elevato ceto sociale dei defunti nell’antica Brixia.

Potrebbero interessarti

SPECIALE BRESCIA BERGAMO Capitale Italiana della Cultura

Pubblicato da
BSBG1P BRESCIA – BERGAMO ANDATA E RITORNOpresso Museo di Santa Giulia (BS) e Accademia Carrara (BG) Un viaggio virtuale, attraverso una presentazione digitale, mette a confronto le due città scoprendone le peculiarità ma anche i molti punti in comune dalla storia, all’arte, alle dominazioni, alle tradizioni. Si prosegue con una visita al centro storico cittadino: […]

RISORGIMENTO OGGI

Pubblicato da
Un particolare percorso che analizza gli effetti della storia risorgimentale sulla nostra contemporaneità. Dopo una breve trattazione dei principali fatti storici ci si concentra sulla storia del ‘900 per analizzare come la retorica risorgimentale abbia accompagnato importanti momenti del nostro passato più recente giungendo fino ai nostri giorni.

VOCI

Pubblicato da
Il nuovo allestimento del Museo prevede sorprendenti avatar di personaggi celebri che raccontano, dal proprio punto di vista, memorie e fatti che hanno portato alla nascita del nostro paese. Andremo alla scoperta dei loro racconti per interrogarci su quanto ancora oggi possiamo dirci figli di quella grande epopea