Condividi
Chiudi
Dove
Museo di Santa Giulia
Durata
1,5
Prezzo
€ 6 cad. biglietto ingresso + € 80 servizio guida

Il laboratorio ha come obiettivo una sperimentazione fotografica in una sorta di studio professionale allestito con pannelli, fari, materiali vari per comporre diversi set e ottenere così diversi scatti di uno stesso soggetto.
Ci si ispira al celebre Edward Weston, grande maestro degli effetti chiaroscurali, dei volumi delle cose che conferisce ai suoi scatti una dimensione potente, frutto di una grande maestria tecnica e una sensibilità artistica che oltrepassa il confine del reale trasformando la fotografia in opera d’arte.

Ritrovo: presso la biglietteria del Museo di Santa Giulia
Costo: € 6 cad. biglietto ingresso + € 80 servizio guida
2 gratuità per gli insegnanti accompagnatori
Durata: 1 ora e mezza
Prenotazioni: CUP Centro Unico Prenotazioni 030.2977833-834 cup@bresciamusei.com

Potrebbero interessarti

SPECIALE BRESCIA BERGAMO Capitale Italiana della Cultura

Pubblicato da
BSBG1P BRESCIA – BERGAMO ANDATA E RITORNOpresso Museo di Santa Giulia (BS) e Accademia Carrara (BG) Un viaggio virtuale, attraverso una presentazione digitale, mette a confronto le due città scoprendone le peculiarità ma anche i molti punti in comune dalla storia, all’arte, alle dominazioni, alle tradizioni. Si prosegue con una visita al centro storico cittadino: […]

RISORGIMENTO OGGI

Pubblicato da
Un particolare percorso che analizza gli effetti della storia risorgimentale sulla nostra contemporaneità. Dopo una breve trattazione dei principali fatti storici ci si concentra sulla storia del ‘900 per analizzare come la retorica risorgimentale abbia accompagnato importanti momenti del nostro passato più recente giungendo fino ai nostri giorni.

VOCI

Pubblicato da
Il nuovo allestimento del Museo prevede sorprendenti avatar di personaggi celebri che raccontano, dal proprio punto di vista, memorie e fatti che hanno portato alla nascita del nostro paese. Andremo alla scoperta dei loro racconti per interrogarci su quanto ancora oggi possiamo dirci figli di quella grande epopea