29 Ottobre 2022 / 29 Gennaio 2023

È tra il XII e il XV secolo che Brescia muta radicalmente il proprio volto per prendere la forma che ancora oggi la caratterizza. In quest’epoca nasce infatti lo stemma comunale col leone rampante, che Carducci renderà poi celebre associandolo all’eroismo della città martire delle Dieci giornate.

Informazioni e Prenotazioni
Il servizio di prenotazione risponde tutti i giorni dalle 10:00 alle 18:00

È tra il XII e il XV secolo, epoca segnata dalla comparsa dei Comuni e in seguito delle Signorie, che Brescia muta radicalmente il proprio volto per prendere la forma che ancora oggi la caratterizza. Le magistrature comunali e i signori che affermano il proprio dominio sulla città e sul suo territorio, oltre che all’origine di vasti interventi urbanistici e di grandi cantieri architettonici che ne ridefiniscono la struttura e l’aspetto, intervengono anche nella creazione tanto di nuovi strumenti di governo quanto delle immagini, dei simboli e dei rituali attraverso i quali si esprime tuttora l’identità civica.

In quest’epoca nasce infatti lo stemma comunale col leone rampante, che Carducci renderà poi celebre associandolo all’eroismo della città martire delle Dieci giornate, e si sviluppano i culti civici dei patroni Faustino e Giovita e delle Sante Croci, che ritmano il calendario delle festività cittadine, allora come oggi coinvolgendo tanto la popolazione quanto l’amministrazione comunale.

La mostra

Un’iniziativa promossa da:
Comune di Brescia, Fondazione Brescia Musei, Alleanza Cultura

Con il patrocinio di:
Diocesi di Brescia, Compagnia dei custodi delle Sante Croci

A cura di Matteo Ferrari

La mostra offre l’occasione per affrontare lo studio, finalmente in modo organico e approfondito, delle istituzioni civiche bresciane, degli uomini che ne diressero l’azione, delle forme di governo e degli strumenti di comunicazione, ma soprattutto per diffondere i risultati di queste ricerche presso un largo pubblico che, ad oggi, manca di una guida chiara, aggiornata e solidamente documentata per conoscere questa ricca pagina della storia locale. Per raggiungere questo obiettivo, i saggi in catalogo e le schede illustrative delle opere esposte saranno affidati a studiosi attivi non soltanto nel contesto locale, il cui approccio interdisciplinare è considerato come garanzia di una lettura dei reperti in un’ottica sovralocale.

La mostra prende in esame un arco cronologico compreso tra la seconda metà del XII secolo, epoca nella quale compaiono le prime tracce delle istituzioni civiche comunali, e il 1426, anno della dedizione di Brescia alla Repubblica di Venezia.

Crediti fotografici: © Gentile da Fabriano, Madonna dell’Umiltà, Pisa, Museo Nazionale di San Matteo su concessione del Ministero della Cultura – Direzione regionale Musei della Toscana – Firenze

Easy Guide

Scopri la nostra Easy Guide!
Indossa le cuffie, digita il numero dell’opera in mostra che ti piacerebbe approfondire e lasciati guidare.

Le Opere

Ciclo di conferenze

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI

Sede: Auditorium del Museo di Santa Giulia, via Piamarta 4

Le conferenze, della durata di 1h 30 min, sono gratuite fino a esaurimento posti.

Al termine della conferenza, alle ore 16.00, sarà possibile partecipare a una visita guidata
alla mostra, eccezionalmente condotta dal curatore e dai relatori della giornata, a fronte
del pagamento del biglietto ridotto di € 7.50 e della prenotazione al CUP
 
0302977 833-834
cup@bresciamusei.com

 

Sabato 29 ottobre, ore 14.30

UNA STABILE INSTABILITÀ. POLITICA E SOCIETÀ NELLE CITTÀ ITALIANE NEL XIII E XIV SECOLO
Alma Poloni, Professoressa Associata di Storia Medievale, Università di Pisa

NELL’OFFICINA DEL COMUNE: COME NASCE UN’IMMAGINE
Matteo Ferrari, Ricercatore École pratique des hautes études, Parigi

 

Sabato 12 novembre, ore 14.30

IL PALAZZO DEL COMUNE, I PALAZZI DEL COMUNE
Riccardo Rao, Professore di Storia Medievale e di Storia dell’Ambiente e degli Animali, Università degli Studi di Bergamo

GOVERNARE IN PARADISO. LA DECORAZIONE DELLA SALA DEL MAGGIOR CONSIGLIO NEL PALAZZO DUCALE DI VENEZIA NEL TRECENTO
Michele Tomasi, Professore di storia dell’arte medievale, Università di Losanna

Sabato 17 dicembre, ore 14.30

STEMMI DI CITTÀ: FORME E FUNZIONI DELL’ARALDICA CIVICA
Alessandro Savorelli, Professore AIH – Académie Internationale d’Héraldique, Ginevra

LE MONETE NELLA BRESCIA COMUNALE: IMPERATORI, SANTI, TRADITORI E ALTRE STORIE
Lucia Travaini, Professoressa Dipartimento di Studi Storici, Università di Milano Statale

Sabato 14 gennaio, ore 14.30

PALAZZI COMUNALI E RESIDENZE SIGNORILI NELL’ITALIA TARDOMEDIEVALE
Marco Folin, Professore di Storia dell’Architettura, Scuola Politecnica di Architettura di Genova

LA CAPPELLA DI GENTILE DA FABRIANO PER PANDOLFO MALATESTA A BRESCIA: SULLE TRACCE DI UN MONUMENTO PERDUTO
Andrea de Marchi, Professore di Storia dell’arte medioevale, Dipartimento SAGAS (storia archeologia geografia arte spettacolo), Università di Firenze

Altri appuntamenti

Lunedì 21 novembre, ore 17.30

PRESENTAZIONE DEI VOLUMI “LO STEMMA DI BRESCIA” E “LO STEMMA DI BRESCIA SPIEGATO AI GIOVANI”

Interverranno:
Emilio Del Bono, Sindaco di Brescia
Mario Gorlani, Presidente Fondazione Civiltà Bresciana
Felice Scalvini, Presidente Fondazione ASM
Giuseppe Nova, Enrico Stefani, Arturo Bettoni, curatori