29 Ottobre 2022 / 29 Gennaio 2023

La mostra si prefigge l’obiettivo di esaminare una fase storica fondamentale per la costituzione della forma e dell’identità della città e del suo territorio, alla luce degli orientamenti più recenti della storiografia. In quest’epoca nascono infatti alcuni simboli civici ancora d’attualità, come lo stemma col leone rampante che Carducci renderà molto più tardi celebre associandolo all’eroismo della città martire delle Dieci giornate, e i culti civici dei santi patroni Faustino e Giovita e delle Sante croci, che ritmano il calendario delle festività cittadine, allora come oggi coinvolgendo attivamente tanto la popolazione quanto l’amministrazione comunale.

Informazioni e Prenotazioni
Tutti i giorni dalle 10:00 alle 18:00

La mostra

A cura di Matteo Ferrari

La mostra offrirà l’occasione per affrontare lo studio, finalmente in modo organico e approfondito, delle istituzioni civiche bresciane, degli uomini che ne diressero l’azione, delle forme di governo e degli strumenti di comunicazione, ma soprattutto per diffondere i risultati di queste ricerche presso un largo pubblico che, ad oggi, manca di una guida chiara, aggiornata e solidamente documentata per conoscere questa ricca pagina della storia locale. Per raggiungere questo obiettivo, i saggi in catalogo e le schede illustrative delle opere esposte saranno affidati a studiosi attivi non soltanto nel contesto locale, il cui approccio interdisciplinare è considerato come garanzia di una lettura dei reperti in un’ottica sovralocale.

La mostra prenderà in esame un arco cronologico compreso tra la seconda metà del XII secolo, epoca nella quale compaiono le prime tracce delle istituzioni civiche comunali, e il 1426, anno della dedizione di Brescia alla Repubblica di Venezia.