08 Febbraio 2019 - 19:00

08 Febbraio 2019 - 21:15

09 Febbraio 2019 - 18:00

10 Febbraio 2019 - 16:00

10 Febbraio 2019 - 21:00

11 Febbraio 2019 - 17:00

12 Febbraio 2019 - 0:00

13 Febbraio 2019 - 15:00

Informazioni e Prenotazioni
I biglietti sono in vendita presso il Nuovo Eden tutti i giorni di proiezione a partire da mezz'ora prima dell'inizio dello spettacolo.
Un film di
Sara Colangelo
Con
Maggie Gyllenhaal, Parker Sevak, Gael García Bernal, Anna Baryshnikov, Rosa Salazar
Genere
Drammatico
Durata
96'

Lisa è una quarantenne che vive un'esistenza pacifica a Staten Island con suo marito e con due figli adolescenti. La sua aspirazione è quella di diventare esperta di poesia seguendo corsi di formazione serali a Lower Manhattan. Le lezioni serali di poesia sono il suo unico rifugio, Lisa non riesce a coltivare il suo talento ma è perfettamente in grado di riconoscere le doti altrui. La donna è totalmente sconvolta quando trova Jimmy, un suo alunno di soli cinque anni, gironzolare per la classe, quasi in uno stato ipnotico, recitando sorprendenti poesie. Decisa a prenderlo sotto la sua ala protettiva, Lisa inizia a occuparsi in prima persona della sua educazione. La maestra d'asilo si spinge però molto oltre i limiti della sua professione e intraprende una disperata battaglia personale. Lisa, sola contro tutti, si addentra sempre di più in questo progetto, alimentato dalle sue speranze e sembra inoltre pronta a gettare via ogni cosa per la realizzazione di un sogno all'apparenza impossibile.

"Remake dell'omonimo film dell'israeliano Nadav Lapid, "The Kindergarten Teacher" è l'opera seconda di Sara Colangelo, italiana di Brooklyn, che con essa ha vinto il Sundance per la regia. Un film di strenua dolcezza, e ingenua follia, di una mitezza che oltrepassandosi è in grado di frangere ogni vincolo in nome della fede assoluta nella poesia, sorprendente sino all'irritazione". (Alberto Cattini, Gazzetta di Mantova)

"Una maestra d'asilo e un bambino pieno di talento per la poesia, almeno secondo la sua insegnante. Uno dei film più interessanti dello scorso Sundance, è l'opera seconda dell'italoamericana Sara Colangelo. Un film costruito intorno alla solita eccellente interpretazione di Maggie Gyllenhaal, in grado di rendere credibile l'estremo, di farci riflettere sull'ossessione di una donna senza talento per la poesia e per un giovanissimo che identifica come una specie di prescelto per la riscossa del talento poetico in un mondo arido. Morboso, moralmente ambiguo, disturbante. Il tutto senza compiacimento, ma con tante stratificazioni e problematizzazioni". (Mauro Donzelli – Comingsoon.it)

Trailer