13 Settembre 2022 / 18 Giugno 2023

In occasione del prestito del Ritratto di canonico lateranense di Sofonisba Anguissola e del Ritratto di Europa di Lucia Anguissola alla Nivaagaard Collection (Danimarca), la sala dei ritratti della Pinacoteca accoglie un ritratto su tavola di Lorenzo Lotto, databile agli anni intorno al 1520.

Informazioni e Prenotazioni
Il CUP – Centro Unico Prenotazioni risponde tutti i giorni dalle 10:00 alle 18:00

La mostra

Un’iniziativa promossa da:
Comune di Brescia, Fondazione Brescia Musei, Alleanza Cultura

Curatore: Roberta D’Adda

In collaborazione con: Museo Nivaagaards Malerisamling

L’opera è posta in dialogo con i ritratti maschili di Savoldo, Moretto e Moroni presenti nella sala, stimolando una riflessione sia sugli aspetti stilistici della produzione della terraferma veneziana (e in particolare, una certa luce morbida evidente anche in Savoldo) sia sull’intonazione di questi ritratti, più accostanti che altisonanti.

Fin dagli esordi Lotto si contraddistinse per un approccio ritrattistico personale e intenso. L’uomo con rosario di Nivå è stato pressoché concordemente posto dalla critica all’interno della produzione bergamasca. Il personaggio si staglia con una presenza scenica che sembra anticipare alcune delle prime prove ritrattistiche veneziane – il Frate domenicano di Treviso (1526) e l’Andrea Odoni della Royal Collection britannica (1527) – contraddistinte da una concezione inusitata e solenne con cui il maestro, di ritorno nella città natale, cercò di dimostrarsi all’altezza della competizione con il protagonista indiscusso della scena: Tiziano.