07 Agosto 2024 - 21:15

Michele Riondino passa dietro la macchina da presa e ritorna al celebre caso di mobbing di fine anni ‘90 all’Ilva di Taranto. Un affresco degno di nota, sempre in bilico tra dramma e grottesco.

Info

Un film di
Michele Riondino
Con
Michele Riondino, Elio Germano, Vanessa Scalera, Domenico Fortunato, Gianni D’Addario
Origine
Italia, 2023
Durata
99′

1997. All’ILVA di Taranto è appena avvenuta l’ennesima morte sul lavoro, ma Caterino Lamanna, operaio addetto ai lavori di fatica nell’industria siderurgia, è pronto a darne la colpa ai sindacati. Caterino è un cane sciolto che pensa al suo imminente matrimonio con la giovane albanese Anna e si fa i fatti suoi, finché Giancarlo Basile, dirigente dell’ILVA, non lo recluta per “farsi un giro e dirgli quello che succede” in fabbrica, e resoconti in particolare le attività del sindacalista Renato Morra, che infiamma gli animi degli operai e li spinge alla ribellione. Basile offre a Lamanna la promozione a caposquadra e l’auto aziendale, ma Caterino chiede di essere mandato alla Palazzina Laf pensando che sia un luogo di privilegio riservato a pochi eletti. In realtà è un edificio in disarmo, incrocio fra una riserva indiana, un manicomio e una prigione, dove sono rinchiusi in orario di lavoro i dipendenti qualificati che hanno fatto l’onda, e che quindi sono invitati a licenziarsi o ad accettare un incarico demansionato e incoerente con la loro preparazione.

Trailer

video
Fondazione Brescia Musei

Photogallery

L’Eden d’estate 2024

È di nuovo estate!
È di nuovo L’Eden d’estate!
✨ Dal 14 giugno all’8 settembre torna la rassegna di cinema all’aperto del Nuovo Eden nel Museo di Santa Giulia (Parco del Viridarium).
Un’estate di grande cinema sotto le stelle della città.