MENU
 

Menu di sezione

 
OPEN ARTS. Museo di SANTA GIULIA e PINACOTECA
OPEN ARTS. Capitolium
TUTTI IN CASTELLO


«  L'Estate al Centro
 

Contenuto della pagina

L'Estate al Centro

 
MUSEO DI SANTA GIULIA
Percorsi tematici con partenza alle ore 19.00 e 20.30 (durata 1 ora)
Biglietti: intero € 10,00; ridotto € 7,50 (convenzionati); ridotto € 5,50 (14-18 anni/over 65); ridotto € 4,50 (possessori Desiderio card); gratuito fino a 13 anni

Ritirando la tessera di OPEN ARTS e partecipando a tre percorsi in tre diverse sedi museali, il quarto è in regalo!

SANTA GIULIA INDOOR
 
Mercoledì 18 giugno  Come funziona un museo? Il backstage
Dietro le quinte, per capire come e perché è nato, ma soprattutto come funziona il museo. L’attività ordinaria viene così svelata attraverso i profili delle persone che vi lavorano: il museo infatti, oltre che splendido contenitore, è anche istituzione in cui operano professionalità diverse ma impegnate nella stessa missione: raccogliere, conservare e mostrare il patrimonio storico artistico della città. 

Mercoledì 25 giugno  Vivere nelle domus
I diversi momenti della vita quotidiana in epoca romana sono ricostruiti in un racconto che conduce tra le mura domestiche e nei principali edifici pubblici di Brixia antica. Si scoprono così differenze e comunanze di abitudini e rituali tra il mondo antico e quello contemporaneo, come quello della cena, illustrato con alcune ricette tipiche del tempo.
Il percorso si conclude nelle domus dell’Ortaglia, abitazioni signorili recuperate e visitabili all’interno del museo.

Mercoledì 2 luglio  Trucco e parrucco. Gusti e tendenze in età romana
Il tema dell’evoluzione della ritrattistica e il suo significato in epoca romana è approfondito in un suggestivo percorso incentrato sulle acconciature. Queste rappresentano un fondamentale strumento per datare statue e monumenti consentendo di scoprire, nei mutamenti o nelle rielaborazioni della moda, significati politici o sociali. Infine le pettinature documentano rango, ruolo, origine della figura rappresentata, restituendo frammenti di realtà lontane, ma ricche di forte potere evocativo.

Mercoledì 9 luglio  Marco Gavio Apicio, masterchef nella Roma antica
Come si cucinavano fenicotteri e pappagalli? Quali erano le spezie indispensabili in cucina per ottenere tutti i gusti possibili?
Alcune ricette tratte da De re coquinaria del famoso gastronomo Marco Gavio Apicio, introducono alla conoscenza degli usi e dei costumi alimentari in età romana, in un viaggio culinario in cui viene riservata una particolare attenzione alle attività legate alla nutrizione ed alla preparazione del pane. 

Mercoledì 16 luglio  Vittorie in volo
La Vittoria alata, divenuta simbolo dell’archeologia bresciana, sollecita nel visitatore un particolare interesse per le sue dimensioni, l’aspetto iconografico e per la tecnica di realizzazione. L’opera fornisce lo spunto per affrontare il mito di Afrodite e della bellezza nell’arte, attraverso un confronto tra il bronzo bresciano e altri importanti esempi della statuaria antica. L’itinerario si conclude alzando lo sguardo per osservare la meno nota Vittoria in volo, raffigurata nei frammenti di soffitto in parte ricomposto nella domus delle Fontane.
 
 
SANTA GIULIA OUTDOOR
 
Mercoledì 23 luglio  Da Desiderio a Napoleone. Le vicissitudini del monastero
Nel monastero di San Salvatore e Santa Giulia, oggi divenuto museo, rimangono impresse sui muri e nelle decorazioni le tracce di coloro che contribuirono alla sua fondazione o vi trascorsero parte della propria vita. E’ un lungo racconto che si svela attraverso l’analisi della struttura architettonica e degli apparati decorativi e narra le trasformazioni storiche e sociali dal tardo medioevo all’età napoleonica.

Mercoledì 30 luglio  Elena Masperoni, l’ultima badessa a vita
Le regole monastiche, la tormentata storia personale e i complicati rapporti con le alte autorità religiose a Roma sono narrate in prima persona da Elena Masperoni, ultima badessa a vita del monastero. Le burrascose vicende, che la videro protagonista dal 1449 al 1478, vengono svelate mediante un linguaggio non convenzionale che adopera parole, gesti  e suggestioni evocatori di lontane presenze. 

Mercoledì 6 agosto  Arrivano i barbari! Le fonti raccontano
Gli aspetti di matrice longobarda che legano Brescia alle altre realtà comprese nel sito seriale Unesco I Longobardi in Italia. I luoghi del potere sono illustrati attraverso i materiali conservati nel museo e approfonditi con la lettura di brani tratti da fonti antiche. La narrazione apre nuove visuali sulla società del tempo, supportate dagli studi più recenti della storiografia che riconoscono al popolo longobardo un ruolo importante nel periodo di transizione tra Antichità e Medioevo, e sollecita riflessioni sul concetto di barbaro e su come, ancora oggi, venga inteso.

Mercoledì 13 agosto Toccare è una cosa da imparare. La croce di Desiderio
Esposta nel suggestivo oratorio romanico di Santa Maria in Solario, la croce di Desiderio, divenuta uno dei simboli del Museo di Santa Giulia, è al centro di un’approfondita indagine conoscitiva. Il prezioso e raro manufatto infatti permette di illustrare le caratteristiche delle croci ad uso processionale in epoca medievale in un itinerario che, insolitamente, offre la possibilità di affrontare il tema anche attraverso un’esperienza multisensoriale.
 
PINACOTECA TOSIO MARTINENGO - OSPITE VIP
 
Mercoledì 20 agosto Dal dettaglio all’insieme. Sorprese in Pinacoteca
Un’enigmatica valigetta, contenente elementi chiave per l’esperienza, accompagna i visitatori in un percorso d’indagine e scoperta guidato da dettagli fotografici estrapolati dalle opere. L’esperienza sollecita interesse e attenzione stimolando lo spirito d’osservazione ed è scandita da indizi, domande e curiosità che diventano pretesto per ricercare i dipinti esposti nelle sale e conoscere i maestri pittori che le hanno realizzate. 

Mercoledì 27 agosto  Tavola, tela, colori. Come nasce un dipinto
Il percorso fornisce gli strumenti per un primo approccio all’opera pittorica in relazione alle fasi della tecnica di esecuzione. I visitatori, dopo aver esaminato e toccato con mano i materiali utilizzati dai maestri del Rinascimento per realizzare i loro dipinti, approfondiscono la comprensione di alcune opere, tra le più importanti della collezione museale, attraverso schede di supporto da completare collettivamente con i dati raccolti.

Mercoledì 3 settembre  Forma dimensione spazio
Ogni volta che un artista sceglie o accetta uno spazio per dare forma a un messaggio visivo, prende coscienza delle dimensioni e delle caratteristiche dello spazio stesso. Nell’inusuale percorso, che dà spazio anche alla pratica, i visitatori vengono guidati alla percezione della forma dell’opera d’arte, da epoche antiche all’età contemporanea, attraverso la sperimentazione di formati diversi, dalla casualità dello strappo del foglio alla sua suddivisione geometrica.

Mercoledì 10 settembre  Arti e mestieri. Tra umili e pitocchi
Nel percorso narrativo i dipinti di Antonio Cifrondi e di Giacomo Ceruti, detto il Pitocchetto, che raffigurano personaggi e situazioni ispirati alla vita quotidiana della classe sociale più umile, permettono di accostarsi ai significati e agli aspetti figurativi della loro rappresentazione. La dimensione emozionale che scaturisce dall’attenta osservazione viene altresì sottolineata dal paragone con gli eleganti ritratti di dame e gentiluomini dell’epoca.

Mercoledì 17 settembre  I simboli della natura
Nei dipinti antichi anche una semplice natura morta può nascondere un linguaggio codificato ricco di significati spesso non percepibile dall’osservatore moderno, linguaggio in cui ogni singolo elemento porta una valenza particolare e assume caratteristiche diverse. Il tema viene affrontato attraverso l’osservazione attiva di alcune opere in cui compaiono animali, essenze arboree, frutti.

Mercoledì 24 settembre  Gioie e turbamenti d’amore...
Sguardi malinconici, lettere trattenute da mani abbandonate, la presenza di alcuni piccoli oggetti o animali, sono il tramite attraverso il quale, nei dipinti del passato, si veicolavano segreti messaggi ed allusioni d’amore. Quali teneri misteri celano il flautista del Savoldo o il poeta sconosciuto di Moroni? Questi ed altri personaggi torneranno a raccontarci i loro intimi segreti attraverso la lettura teatralizzata di immagini di opere pittoriche cariche di significati non facili da cogliere ad un primo fuggevole sguardo.

 



«  L'Estate al Centro